top of page

Crediti deteriorati in crescita

L'estrema incertezza economica e le aspettative negative portano a stimare nel 2022 il primo aumento negli ultimi dieci anni del tasso di deterioramento del credito alle imprese, l'indicatore che esprime la percentuale dei crediti in bonis ad inizio anno che nel corso dell'anno diventano "non performing".

L'indice, pari al 2 per cento nel 2021, a fine 2022 raggiunge infatti il 2,3 Per cento: un dato significativamente inferiore rispetto al periodo pre-Covid (2,9 Per cento nel 2019) ma destinato a salire nel 2023 al 3,8 per cento, toccato già nel 2017, per poi nuovamente scendere nel 2024 al 3,4 per cento.

Si tratta di valori ampiamente inferiori ai preoccupanti picchi registrati nel 2012 (7,5 per cento) che, tuttavia, riflettono un peggioramento che riguarda ogni settore e classe dimensionale di impresa: solo le costruzioni fanno registrare tassi di deterioramento minori rispetto al 2019, mentre, al contrario, le microimprese registrano il livello più alto di nuovi crediti in default, rilevabile già nel 2022. Sono questi, in estrema sintesi, i principali risultati dell'Outlook Abi-Cerved 2022-24, un report che Abi e Cerved realizzano periodicamente sulle stime dei flussi dei nuovi crediti deteriorati delle imprese (dati che oltre alle sofferenze includono, dunque, anche i crediti che le banche devono classificare come inadempienze probabili o crediti scaduti), con dettagli dimensionali, per settore e per area geografica. Secondo l'analisi, il peggioramento della qualità del credito risente dell'indebolimento della domanda a cui si associa una cospicua spinta inflattiva delle materie prime e del caro energia. Inoltre, il costante innalzamento dei tassi d'interesse da parte della Banca centrale europea ha incrementato il costo del debito per le imprese, che a causa del quadro instabile non riescono a pianificare correttamente le azioni e non fruiscono più delle misure di sostegno al credito adottate durante la pandemia, ora solo parzialmente sostituite. "Nel corso del 2023, a causa delle incognite derivanti dal contesto geo-politico e con la fine certa dalle misure emergenziali applicate nel periodo pandemico, i crediti deteriorati delle imprese torneranno ad aumentare – afferma Andrea Mignanelli, Amministratore delegato di Cerved Group - Ci aspettiamo però impatti moderati sulla nostra economia: il mercato negli ultimi anni si è strutturato non solo per gestire un aumento dei volumi ma è anche maturato nelle politiche di gestione da parte delle banche e degli operatori specializzati per fronte a questa emergenza.

È quindi un mercato in grado di gestire i volumi di Npl attesi. Sarà sempre più importante l'utilizzo di strumenti, algoritmi e tecnologie: è un fronte su cui Cerved è fortemente impegnata per smaltire rapidamente i crediti deteriorati e finanziare la ripresa". "Il previsto rallentamento del ciclo, le tensioni geo-politiche e il rialzo dei tassi di interesse, determineranno da quest'anno una crescita del rischio di credito che, seppur pienamente gestibile dalle banche, interrompe il lungo processo di discesa iniziato nel 2012". Questo il commento di Giovanni Sabatini, direttore generale dell'Abi, che aggiunge: "L'inversione della tendenza è un segnale che conferma l'esigenza di interventi volti a facilitare la ristrutturazione dei crediti e, in generale, di misure a tutela della sostenibilità del debito delle imprese, aumentato per effetto della pandemia".

Più nel dettaglio, nel 2024 il tasso di deterioramento sarà superiore al 2019 per ogni classe dimensionale: le microimprese registreranno la performance peggiore a livello assoluto (3,6 Per cento contro il 3,2 per cento del 2019), mentre le grandi imprese segneranno l'aumento più sostanzioso, 1,3 punti percentuali (2,7 per cento contro 1,4 Per cento nel 2019). Per quanto riguarda i settori, nel 2024 le costruzioni saranno il comparto con il tasso di deterioramento più elevato e tuttavia l'unico a presentare un dato inferiore al 2019 (3,8 per cento contro 4 per cento), anche grazie al beneficio derivato dalle grandi opere pubbliche finanziate dai fondi Pnrr.

Sia l'agricoltura che i servizi raggiungeranno il 3,3 per cento (nel 2019 erano rispettivamente a 3,1 per cento e 2,8 per cento), mentre l'industria "solo" il 3,2 per cento, ma dal 2,3 per cento.

Tutti rimarranno sensibilmente al di sotto dei picchi del 2012.

A livello territoriale, il Sud e le Isole continueranno a presentare nel 2024 il tasso di deterioramento più elevato al 4,1 per cento, in leggera riduzione rispetto al 2019, seguite dal Centro con il 3,7 per cento (4 decimi più del 2019), mentre le aree settentrionali registreranno un incremento di 7 decimi di punto rispetto al 2019 ma livelli più contenuti compresi tra il 2,8 per cento del Nord-Est e il 3,1 per cento del Nord-Ovest.



9 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page