• Federico Moffa

Colleferro, la Nazionale Calcio Attori allo stadio Andrea Caslini

Aggiornamento: 8 dic 2021

Il 29 dicembre partita di beneficenza con la SSD Colleferro Calcio.

Clicca qui per acquistare i biglietti della partita

Mercoledì 29 dicembre alle 14,30 lo stadio Andrea Caslini ospiterà la Nazionale attori.

Una partita di calcio che vedrà tanti beniamini del pubblico sfilare sul campo erboso per cimentarsi con i ragazzi della nostra squadra che milita nel campionato di Eccellenza.

L’incasso sarà devoluto in beneficenza alla associazione disabili Strada Facendo.

Quest’anno la Nazionale di calcio attori festeggia i cinquant’anni della sua costituzione.

Era il 1971 l’anno in cui Pier Paolo Pasolini formò una squadra composta da attori, amici, personaggi dello spettacolo allo scopo di partecipare ad eventi per raccogliere fondi a favore di chi ne avesse bisogno.

Negli anni, tantissimi attori e personaggi della televisione hanno fornito il loro contributo alla causa, raccogliendo entusiasmo e successo ovunque siano andati.

La Ssd Calcio Colleferro ha voluto con decisione assicurarsi quest’evento di prestigio nel periodo natalizio in linea con i programmi di valore sociale individuati fin dall’inizio della sua attività.

Lo stesso presidente Giorgio Coviello, con un passato di organizzatore di spettacoli, si è prodigato perché Colleferro diventasse una vetrina importante nel coniugare sport e solidarietà.

La partita di beneficenza, peraltro, costituirà una occasione ulteriore per vedere all’opera la prima squadra impegnata il 12 dicembre, in casa, nella partita di campionato con il Ferentino.

Partita tutt’altro che facile, trattandosi una squadra che occupa la vetta della classifica.

Insomma, un dicembre ricco di eventi sportivi e spettacolari cui certamente non mancherà la partecipazione del pubblico, tornato a riempire dopo molti anni gli spalti, richiamato dai risultati positivi della squadra e da un ambiente rivitalizzato dalla nuova dirigenza.



Peccato che alle note liete si debbano ancora accompagnare ritardi non giustificati dell’amministrazione comunale.

Da mesi sono stati richiesti interventi manutentivi importati.

E ancora non si muove nulla.

Il sistema fognario e di pompaggio, compromesso da opere effettuate all’esterno dell’impianto sportivo di via Berni, ancora non è stato sistemato.

Il rischio di allagamenti degli spogliatoi, in presenza di piogge consistenti, è molto alto.

La stessa illuminazione del campo, dichiarata insufficiente dalle autorità federali, rende il Caslini non omologabile per le partite serali.

Il ché compromette la stessa stagione agonistica di alcune delle squadre tra cui l’Atletico Colleferro, il Real Colleferro e lo Sporting Colleferro che militano nelle categorie inferiori.

Insomma, nonostante lettere, perizie e continui appelli, dalle parti del Palazzo comunale silenzio assoluto. Un atteggiamento, in verità, incomprensibile. Come è incomprensibile la mancata risposta alla richiesta avanzata dal presidente Coviello di poter installare, nelle strutture sportive di via Berni e di Colle Sant’Antonino, due chioschi bar destinati al pubblico che segue i nostri calciatori, utili anche a garantire l’ordine pubblico e anche a rispettare le norme vigenti in materia di Covid, durante le partite ufficiali. Chioschi simili esistono un po’ in tutti i Comuni.

Nell’impianto di via Berni, in passato, era stato realizzato un punto di ristoro di questo tipo.

Peraltro, si tratterebbe di opere a struttura mobile i cui costi sarebbero del tutto a carico della società di calcio, senza alcun esborso da parte delle casse comunali.

Perché allora tanta ritrosia?


154 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti