• REDAZIONE

Colleferro, Pronto Soccorso nel caos

Aggiornamento: lug 9

E’ diventata davvero insostenibile la situazione del Pronto Soccorso dell’ospedale di Colleferro.

Abbiamo ricevuto in redazione delle foto che , ovviamente, non pubblichiamo nel rispetto della privacy.

Ma si tratta di foto che testimoniano una situazione assurda, inaccettabile, sia per i malati che per gli operatori sanitari.

E’ raccapricciante la condizione in cui vengono tenuti i pazienti, lasciati sui letti nei corridoi e nelle aree attigue all’ingresso predisposto per le autoambulanze.

Ovviamente, nessuna responsabilità può essere ascritta al personale medico e infermieristico che si prodiga, con abnegazione e professionalità, per far fronte all’emergenza.

Fatto sta che, in alcuni casi, i malati restano più giorni sulle lettighe e sui letti nei corridoi del Pronto Soccorso, come ci è stato raccontato da alcuni cittadini. Una situazione che, purtroppo, si registra anche in altre strutture ospedaliere.

La carenza di letti e l’emergenza indotta dalla pandemia stanno portando al collasso una struttura ospedaliera che è stata, peraltro, penalizzata dagli assurdi provvedimenti di chiusura di alcuni reparti, deliberati dalla giunta regionale guidata da Zingaretti.

Negli ultimi anni, nonostante i consistenti finanziamenti per realizzare la nuova ala ospedaliera, il nuovo Pronto Soccorso e le sale chirurgiche, sono stati chiusi reparti importanti come ginecologia, pediatria e ostetricia. Un danno enorme per Colleferro e i Comuni vicini.

1,173 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti