• REDAZIONE

Punta in alto il Colleferro calcio

La società rilevata dall'imprenditore Giorgio Coviello.

Importanti novità per il Colleferro Calcio.

Il Presidente Giorgio Coviello

La società, rilevata dal noto imprenditore locale Giorgio Coviello, proprietario di Big One Energy, da più di un mese è al lavoro per rilanciare il settore giovanile e riportare in alto la prima squadra, fermata ai blocchi di partenza per via della Pandemia nella scorsa edizione del campionato di promozione.

Ambizioni e speranze non sono venute meno.

“Stiamo facendo un lavoro importante di riorganizzazione complessiva della società. E ci poniamo obiettivi ambiziosi”.

Il presidente Coviello unisce ad una esperienza nel settore (ndr. E’ anche comproprietario del Cerveteri che milita nel campionato di eccellenza del girone nordovest del Lazio) una passione fuori dal comune.

Ha ricoperto il ruolo di portiere in campo e oggi è alla testa di una grande azienda che opera nel settore del gas e dell’elettricità.

“Colleferro ormai è diventata la mia casa. Sto qui da diverso tempo e vedo tante risorse giovanili. Una città giovane che ha un passato calcistico glorioso. Mi piacerebbe rinverdire questo passato e dimostrare che, investendo sui giovani, riusciamo a valorizzare il nostro vivaio. Con la prima squadra stiamo impostando un programma di rilancio. Vogliamo, in poco tempo, salire nelle serie superiori”.

Il vice Presidente Federico Moffa

“Stiamo ricreando una comunità calcistica degna del nome di Colleferro - sottolinea, da parte sua, il vicepresidente Federico Moffa - Puntiamo molto nella scuola calcio e sui giovani. Il presidente ha voluto dare un segnale di rilievo nel settore agonistico, per il quale l’iscrizione è totalmente gratuita. Porremo attenzione anche alle famiglie meno abbienti. Il Calcio ha un valore sociale che dobbiamo assolutamente curare e rafforzare”.

La pandemia, si sa, ha segnato molto lo sport, incidendo pesantemente sulla passata stagione agonistica.

Antonio Battistelli allenatore Prima Squadra

“Dopo un periodo così pesante, avevo visto svanire il lavoro fatto negli ultimi due anni. La salvaguardia della salute è sempre stata la nostra prima preoccupazione - confessa Antonio Battistelli, allenatore della prima squadra, confermato nell’incarico dalla nuova dirigenza - Nel primo anno, pur non dati come favoriti, siamo arrivati ad un passo dai play off, a nove giornate dalla fine del campionato, svolgendo un girone di ritorno da primato assoluto. Nell’ultima stagione, eravamo in testa alla classifica dopo cinque giornate, quando, a causa del Covid, il campionato è stato interrotto. Insomma, fino ad un mese fa pensavo davvero di scegliere altre strade e accogliere nuove proposte”.

Poi tutto è cambiato. “L’ingresso della nuova proprietà, con la presidenza di Giorgio Coviello e del vicepresidente Federico Moffa, mi ha convinto a restare. Quel che più conta è l’entusiasmo e i nuovi stimoli che costoro stanno provocando. Mi hanno dato fiducia, e di questo li ringrazio. Ma soprattutto con loro condivido l’idea di valorizzare il settore giovanile, dando spazio e opportunità di crescita ai tanti giovani di Colleferro che amano il calcio.”

Battistelli non nasconde la sua soddisfazione mentre è nel pieno della preparazione dell’attività agonistica.

“Il presidente mi ha fatto sentire subito a casa. Questa maglia l’ho indossata da calciatore per tanti anni. La porto nel cuore. Essere il mister del Colleferro Calcio è per me motivo di grande orgoglio. Spero di riprendere il lavoro con i ragazzi da dove l’ho lasciato lo scorso anno, con lo stadio Andrea Caslini pieno di tifosi, pronti a sostenere e a incitare una squadra giovane e ambiziosa. Un pensiero di ringraziamento va alla vecchia dirigenza per aver lasciato la società in buone mani”.

Insomma, mentre fervono i lavori di manutenzione dello stadio di via Berni e si svolgono gli stage giovanili nell’impianto di Colle Sant’Antonino, in città l’idea che il Calcio torni a puntare in alto in onore di un antico blasone sta contagiando un po’ tutti.

E presto, nel Caslini, risuonerà il grido “Forza Colle!”.

Parola di Battistelli, allenatore esperto e attaccato come pochi alla sua città.

In ordine di sequenza:

Pino Di Cori D.S. - Marco Bernabei Collaboratore Tecnico - Guido Lanna Preparatore dei Portieri - Giancarlo Pera Dirigente Accompagnatore - Luca Marinelli Preparatore Atletico - Massimiliano Matrigiani Magazziniere - Francesco Farmeschi Dirigente Accompagnatore - Giuseppe Esposito Dirigente Accompagnatore

In ordine di sequenza:

Roscioli Leonardo difensore - Semenuic Alessandro portiere - Lisi Daniele difensore - Procacci Antonio difensore - Galeazzi Roberto esterno - Mastrella Francesco centrocampista - Galeazzi Claudio centrocampista - Coluzzi David difensore - D'Albenzo Gianmarco attaccante - Gabriele Federico centrocampista - Casazza Daniel centrocampista - Cerroni Samuele attaccante - Cifra Matteo portiere - Botticelli Alessio esterno - Antocchi Gianluca centrocampista - Basiliski David difensore - Matteo Amici centrocampista - Bernabei Pietro attaccante

762 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti