top of page

Tromba d'aria a Valmontone, quando la natura non avverte

Aggiornamento: 14 feb 2023


Nella giornata di Martedì 17 Gennaio, intorno alle ore 17.00, si è scatenata una terribile tromba d’aria nella località di Valmontone. Tantissimo spavento tra le perone come pure tantissimi sono stati i danni riportati a seguito dell’evento.

Veniamo al racconto dell’accaduto da parte di chi ha vissuto quei terribili istanti. in questa occasione la cronaca si mischia alla mia personale esperienza vissuta, poiché, vivendo a Valmontone, mi sono ritrovata a vivere in prima persona questo drammatico evento. Nello specifico stavo percorrendo con la mia auto “via della Pace”, più precisamente mi trovavo poco prima dei locali della Protezione Civile, quando all’improvviso tutto diventava buio, sentivo il rumore di oggetti e detriti che arrivavano sopra la mia auto, e si scagliavano a tutta velocità come dei proiettili. il forte boato che udivo all’esterno mi faceva subito pensare che stava accedendo qualcosa di grave. Subito dopo, la fortissima raffica di vento spingeva la mia auto dalla strada principale proprio in prossimità dei locali della Protezione Civile, e quando mi sono resa conto che riuscivo finalmente a pigiare il freno e la mia macchina rispondeva arrestandosi, ho realizzato che ero “salva”.

Quello che però sicuramente non ero pronta a vedere è stato lo scenario che la terribile tromba d’aria aveva appena lasciato alle sue spalle: alberi di ingenti dimensioni completamente sradicati e rasi al suolo, massicce perdite d’acqua che si riversavano nelle strade, i cancelli di alcune abitazioni che cadendo avevano travolto le auto e tutto quello che era accanto, massi di marmo che invadevano le strade, oltre a rami, fango, detriti e residui di plastica sparsi ovunque, che rendevano assai pericolosa la circolazione.

Forse non avevo ben capito, un attimo prima, cosa fosse realmente accaduto. Sicuramente ne ho preso coscienza solo percorrendo con grande difficoltà quelle strade e guardandomi intorno.

L’Indomani Valmontone si svegliava come “un paese che ha subito un terremoto” così l’ha definita proprio il Sindaco di Valmontone Alberto Latini, il quale, per gli eventi accaduti e i danni riportati, ha richiesto lo stato di calamità naturale.

Veniamo quindi alla conta dei danni provocati da questo terribile evento atmosferico, tra i quali ci sono oltre agli ingenti danni subiti dalle attività commerciali, strutture alberghiere e impianti sportivi, anche l’evacuazione di una ventina di famiglie. Una cinquantina di persone che in un attimo hanno perso la loro abitazione. Altri invece hanno denunciato tegole scoperchiate dai tetti e danni ai muri dei palazzi: “oggetti scagliati come mitra che restavano attaccati ai muri” così si sfogano sui social e nelle varie interviste rilasciate chi in quei momenti ha avuto davvero paura di perdere la propria casa o i propri cari, anche se, fortunatamente, non ci sono stati feriti gravi.

La parte della cittadina che va verso il casello autostradale, Via Gramsci, Via colle Piscarello, Via della Cava e Via Colle Fontana Vecchia sono state le zone di Valmontone maggiormente colpite dalla tromba d’aria e che hanno riportato i maggiori danni.

Incessante il lavoro dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e di tutte le forze dell’ordine che hanno garantito senza sosta aiuto e messa in sicurezza di persone, strade e locali.

Sono state attivate anche una mail e vari contatti telefonici dedicati proprio ai cittadini colpiti, alle imprese e ai commercianti, i quali possono segnalare per il tramite di essi eventuali danni.

Anche la politica non ha tardato a portare il suo sostegno alla città di Valmontone, molti infatti gli esponenti dei vari partiti che hanno espresso solidarietà per quanto accaduto e si sono recati sul posto.

Alla luce delle prossime elezioni Regionali nel Lazio auspichiamo un intervento tempestivo e reale per la città di Valmontone e i suoi abitanti, che non profumi solo di “slogan elettore” ma che si concretizzi nell’immediato così da consentire alle attività commerciali, già in precedenza provate dalla pandemia di covid, di riprendere la loro attività ma soprattutto alle persone provvisoriamente evacuate di rientrare presto a casa.



13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page